Vai al menù principale Vai al menù secondario Vai ai contenuti Vai a fondo pagina
Scuola Secondaria di I Grado Viale della Resistenza di Cesena (FC)
SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
"VIALE DELLA RESISTENZA"
Via San Colombano, 190 - 47522 Cesena (FC) - Tel. 0547 330326
E-mail: fomm02800v@istruzione.it - PEC: fomm02800v@pec.istruzione.it
Scuola Secondaria di I Grado Viale della Resistenza di Cesena (FC)
Scuola Secondaria di I Grado Viale della Resistenza di Cesena (FC)
SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
"VIALE DELLA RESISTENZA"
PIANO SCOLASTICO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

PIANO SCOLASTICO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

 

Le Linee Guida per la Didattica Digitale Integrata, adottate dal Ministero dell'Istruzione con il Decreto n°39 del 26/06/2020, hanno richiesto l'adozione, da parte delle Scuole, di un Piano affinché gli Istituti siano pronti ad affrontare nuovi scenari di complessità"qualora si rendesse necessario sospendere nuovamente le attività didattiche in presenza a causa delle condizioni epidemiologiche contingenti".

Durante il periodo di grave emergenza verificatosi nell'a.s. 2019/2020, i docenti della scuola secondaria di primo grado "Viale della Resistenza" hanno garantito, seppur a distanza, la copertura delle attività didattiche previste dal curriculum, assicurando il regolare contatto con gli alunni e lo svolgimento della programmazione, riformulata secondo le indicazioni ministeriali. Ciò ha permesso a tutto il personale docente di autoformarsi sulla Didattica a distanza (DAD).

 

Il presente Piano, adottato per l'a.s. 2020/2021, contempla la DAD non più come didattica d'emergenza ma come didattica digitale integrata che prevede l'apprendimento con le tecnologie considerate uno strumento utile per facilitare apprendimenti curricolari e favorire lo sviluppo cognitivo.

Dall'idea tradizionale di Laboratorio d'informatica, nella didattica digitale integrata si passa alla tecnologia che entra in "classe" - a prescindere se in aula o a casa - e, adottando metodologie e strumenti tipici dell'apprendimento attivo, supporta la didattica quotidiana.

In questa prospettiva compito dell'insegnante è quello di creare ambienti sfidanti, divertenti, collaborativi in cui:

·       valorizzare l'esperienza e le conoscenze degli alunni;

·       favorire l'esplorazione e la scoperta;

·       incoraggiare l'apprendimento collaborativo;

·       promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere;

·       alimentare la motivazione degli studenti;

·       attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità (Disturbi Specifici dell'Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali).

Seguendo le indicazioni del Piano sulla Didattica Digitale Integrata sono stati individuati e selezionati una serie di obiettivi operativi da affrontare nella prima parte dell'anno:

·       Insegnamento, da parte dei docenti di tecnologia, delle prime conoscenze per guidare gli alunni all'utilizzo di alcune delle applicazioni della G-Suite Education, del registro elettronico e delle classi digitali.

·       Creazione per tutti gli alunni delle classi prime dell'account istituzionale per l'accesso al registro e alle applicazioni della G-Suite for Education;

·       Potenziamento degli strumenti didattici e laboratoriali necessari a migliorare la formazione e i processi di innovazione delle istituzioni scolastiche;

·       Formazione dei docenti per l'innovazione didattica;

·       Potenziamento delle infrastrutture di rete, con particolare riferimento alla connettività nelle scuole;

·       Ricognizione dei bisogni formativi dei docenti e dei device per gli studenti.

Cosa garantire

  • Il bilanciamento delle attività sincrone/asincrone, avendo cura di bilanciare il tempo dedicato a ciascuna modalità. E' opportuno sottolineare che la lezione sincrona non è una videoconferenza, bensì un'occasione per rispondere a domande, fornire chiarimenti, qualora i ragazzi manifestino dubbi, gestire un dibattito, lanciare un'esperienza di apprendimento. La lezione asincrona è il momento in cui il docente spiega la lezione registrando il proprio intervento o reperendo materiali video dalla rete, fornendo agli alunni la possibilità di rinforzare il proprio apprendimento.
  • L'insegnamento-apprendimento a distanza in sostituzione di quello in presenza in caso di lockdown o di messa in quarantena di classi e docenti con l'adozione di forme di didattica digitale aperte ad un cambiamento di contenuto e di metodo. Le proposte didattiche dei singoli docenti dovranno inserirsi, per quanto possibile, in una cornice pedagogica e metodologica condivisa con i colleghi.
  • L'essenzializzazione dei saperi con l'acquisizione dei nuclei fondanti delle discipline attraverso la rimodulazione delle progettazioni didattiche.
  • Soluzioni diversificate in risposta alle esigenze del contesto e alle diverse problematiche che potranno emergere nel corso dell'anno scolastico;
  • Inclusività nei confronti dei ragazzi BES, DSA, e stranieri.

 

 

Verifica del fabbisogno:

FORMAZIONE

Nel mese di ottobre, dopo l'assegnazione delle cattedre ai docenti supplenti, è stato predisposto un questionario per raccogliere i bisogni formativi in merito all'utilizzo delle applicazioni e dei programmi in uso nella DDI. L'animatore digitale e il team digitale si renderanno disponibili ad organizzare corsi di formazione per rispondere alle esigenze dei docenti neo assunti e non: per la rilevazione dei loro bisogni seguirà un questionario su Google Moduli.

 

DEVICE E STRUMENTAZIONE

Nel mese di ottobre, con un altro questionario online, è stata avviata anche una rilevazione del fabbisogno di strumentazione tecnologica e connettività rivolta agli studenti, al fine di provvedere alla concessione in comodato d'uso gratuito degli strumenti per il collegamento agli alunni che non abbiano l'opportunità di usufruire di device di proprietà. Qualora siano disponibili dei devices ed il fabbisogno espresso dagli studenti sia stato completamente soddisfatto, si potrà procedere all'assegnazione di un dispositivo anche a docenti con contratto a tempo determinato.

 

Organizzazione oraria

Nel caso in cui la DDI divenga unico strumento di espletamento del servizio scolastico, a seguito di nuove situazioni di lockdown, la scuola garantirà una quota minima pari ad almeno 15/16 ore settimanali in modalità sincrona con l'intero gruppo-classe, con la possibilità di prevedere ulteriori attività di piccolo gruppo, nonché proposte in modalità asincrona, secondo le metodologie ritenute più adeguate. La scuola garantirà, comunque, uno spazio settimanale a tutte le discipline, proporzionale al totale delle ore curricolari.

Sulla base dei criteri individuati dal Collegio Docenti, verrà adottato l'orario scolastico in vigore al momento della sospensione delle attività didattiche in presenza, mantenendo la stessa scansione delle lezioni, ma riducendo il totale delle ore, garantendone il minimo sopra indicato.

 

La ripartizione oraria delle discipline avverrà secondo questa suddivisione:

 

 

discipline

ore

 

italiano

4

 

storia

1

 

geografia

1

 

matematica

2

 

scienze

1

 

inglese

2

3 (corsi ad inglese potenziato)

spagnolo

1

0

tecnologia

1

 

arte

1

 

musica

1

 

motoria

1

 

religione

1 (durata della lezione ridotta proporzionalmente)

 

 

 

 

Gli strumenti della DDI e le metodologie

  1. Utilizzo di piattaforme multimediali (Classroom, Weschool...)

1.a) per la creazione di classi virtuali;

1.b) per ordinare e raccogliere i materiali forniti durante le lezioni (repository)

  1. Utilizzo del registro elettronico

2.1) per lasciare traccia delle lezioni svolte;

2.2) per indicare i compiti assegnati;

2.3) per caricare i materiali forniti dal docente durante le lezioni;

2.4) per registrare la presenza degli alunni a lezione;

2.5) per le comunicazioni scuola-famiglia;

2.6) per inserire le valutazioni.

3) Applicazioni della G-Suite for Education;

4) Altri applicativi condivisi reperibili nella repository del sito "Scuolainrete.com" nella home page della

scuola.

 

La DDI si presta particolarmente alla sperimentazione di metodologie più coinvolgenti per catturare al meglio l'attenzione dei ragazzi durante le attività sincrone. Pertanto si potranno attuare metodologie quali l'Apprendimento Cooperativo, la Flipped Classroom, il Debate, il Project Basic Learning (PBL), per fornire conoscenze, competenze, abilità e promuovere la partecipazione attiva degli alunni. Le videolezioni dovranno essere brevi (con una durata massima di 15 minuti) per sostenere l'attenzione degli alunni e potranno essere registrate dal docente o reperite sulla rete.

Le piattaforme o Google Drive diventeranno anche repository in cui poter raccogliere i materiali usati (video, presentazioni, progetti..) per documentare le attività, in cui poter reperire materiali o videolezioni svolte o selezionate nella rete, affinché diventino un archivio disponibile per tutti e fruibili nel tempo.

 

Valutazione

La valutazione, al fine di garantire il successo formativo, sarà costante e trasparente, per assicurare un feedback continuo tra gli alunni e gli insegnanti. Questo tenderà a promuovere anche le capacità metacognitive, i processi di autovalutazione e consapevolezza di sé.

Sarà rivolta non solo al singolo prodotto, ma all'intero processo (valutazione delle competenze, non solo delle abilità e delle conoscenze)

Si sottolinea che le valutazioni, espresse con voti, assegnati sia in presenza che a distanza, sono valide ai fini della valutazione finale e saranno riportate sul registro elettronico con le modalità usuali.

In particolare, sono distinte le valutazioni formative svolte dagli insegnanti in itinere, le valutazioni sommative al termine di uno o più moduli didattici o unità di apprendimento, e le valutazioni intermedie e finali realizzate in sede di scrutinio.

La valutazione formativa sarà attuata attraverso osservazioni costanti, formali e informali, attività e compiti seguiti da indicazioni scritte o orali finalizzate al miglioramento dell'apprendimento. Verrà utilizzata la seguente rubric per valutare la qualità dei processi attivati, la disponibilità ad apprendere, la collaborazione, l'autonomia, la responsabilità e la capacità di autovalutazione dei ragazzi. La valutazione formativa andrà ad integrare quella sommativa.

 

 

Indicatori

Avanzato

Intermedio

Base

Iniziale

Qualità dei processi attivati

L'alunno sa rielaborare criticamente i contenuti studiati.

L'alunno sa rielaborare in modo personale i contenuti studiati.

L'alunno sa riconoscere e risolvere semplici problemi e consegne.

L'alunno deve essere guidato per risolvere semplici consegne.

Disponibilità ad apprendere

L'alunno partecipa alle attività didattiche proposte con interesse, intervenendo e apportando contributi propri.

L'alunno partecipa alle attività didattiche proposte ma interviene solo se stimolato.

L'alunno partecipa alle attività didattiche proposte, ma interviene solo se guidato.

L'alunno partecipa raramente alle attività didattiche proposte e interviene solo se guidato.

Collaborazione

L'alunno collabora attivamente ed efficacemente con gli insegnanti e con i compagni per la costruzione di nuove competenze. Offre e accetta aiuto volentieri.

L'alunno collabora con gli insegnanti e con i compagni per la costruzione di nuove competenze; se sollecitato, offre e accetta aiuto.

L'alunno, solo se sollecitato, collabora, offre e accetta aiuto.

L'alunno collabora raramente con gli insegnanti o con i compagni; spesso rifiuta l'aiuto da parte degli altri.

Autonomia

L'alunno è completamente autonomo nell'organizzazione del proprio tempo e del proprio lavoro.

L'alunno è abbastanza autonomo nell'organizzazione del proprio tempo e del proprio lavoro.

L'alunno è solo parzialmente autonomo nell'organizzazione del proprio tempo e del proprio lavoro.

L'alunno non è ancora autonomo nell'organizzazione del proprio tempo e del proprio lavoro.

Responsabilità

L'alunno è ordinato, preciso e puntuale nelle consegne, dimostrando un impegno responsabile e assiduo.

Rispetta le regole.

L'alunno è quasi sempre ordinato e puntuale nelle consegne, dimostrando un impegno abbastanza continuo. Rispetta quasi sempre le regole.

L'alunno è abbastanza puntuale nelle consegne, ma non sempre ordinato e preciso, dimostrando un impegno superficiale.

Ha difficoltà a rispettare le regole.

L'alunno non è puntuale nelle consegne o il lavoro è spesso incompleto, dimostrando un impegno inadeguato.

Non rispetta le regole.

Capacità di autovalutazione

L'alunno identifica i propri punti di forza e debolezza, sa chiedere aiuto, se necessario, e sa valutare con precisione le proprie competenze.

L'alunno identifica i propri punti di forza e debolezza e sa valutare a grandi linee le proprie competenze.

L'alunno non riesce a identificare con sicurezza i propri punti di forza e debolezza, ha difficoltà a valutare le proprie competenze ma chiede aiuto se necessario.

L'alunno non è capace di valutare proprie competenze.

 

 

Le valutazioni sommative saranno invece formulate al termine di uno o più moduli didattici o unità di apprendimento. Si valuterà l'acquisizione delle conoscenze e delle abilità individuate come obiettivi specifici di apprendimento, nonché lo sviluppo delle competenze personali e disciplinari, tenendo conto delle eventuali difficoltà oggettive e individuali, e del grado di maturazione raggiunto. I criteri di valutazione sono quelli già stabiliti dai Dipartimenti d'Istituto.

 

Le valutazioni intermedie e finali degli apprendimenti, realizzate in sede di scrutinio, da esprimersi necessariamente tramite voto numerico, saranno da intendersi non solo come risultante di una serie di prove oggettive, ma prendendo come riferimento la griglia di valutazione già presente nel PTOF di questa Istituzione, tenendo in particolare considerazione aspetti quali la partecipazione, la puntualità nel rispettare le scadenze delle consegne, la cura dei lavori prodotti e l'impegno emersi nel periodo di Didattica Digitale Integrata.

 

 

Livello

Iniziale

Base

Intermedio

Avanzato

Voto

4

5

6

7

8

9

10

Descrittori

Conoscenze e abilità sono molto frammentarie e poco strutturate. Per portare a termine consegne ed elaborati deve essere guidato in tutte le fasi esecutive. Deve acquisire e sviluppare la capacità di partecipazione attiva nei processi di costruzione di conoscenze e abilità.

 

Conoscenze frammentarie e abilità da consolidare. Incerta la capacità espositiva e uso di un linguaggio impreciso. Per portare a termine consegne ed elaborati deve essere guidato in alcune fasi.

Conoscenza essenziale dei contenuti e capacità di riconoscere i problemi; accettabile proprietà espositiva; uso di un linguaggio sufficientemente appropriato.

Conoscenza di gran parte dei contenuti, discreta rielaborazione delle conoscenze, capacità di risolvere semplici problemi, adeguata proprietà espressiva e utilizzo dei linguaggi specifici.

Sicura conoscenza dei contenuti; buona rielaborazione delle conoscenze; comprensione e padronanza della metodologia disciplinare; capacità di operare collegamenti tra i saperi; chiarezza espositiva e proprietà lessicale; utilizzo adeguato di linguaggi specifici.

Conoscenza approfondita dei contenuti disciplinari; rielaborazione personale delle conoscenze; buona padronanza della metodologia disciplinare; capacità di organizzazione dei contenuti e collegamento degli stessi tra i diversi saperi; ottima capacità espositiva; uso corretto dei linguaggi specifici.

Conoscenza approfondita dei contenuti con capacità di rielaborazione critica; completa padronanza della metodologia disciplinare; ottime capacità di trasferire le conoscenze maturate; brillanti capacità espositive e sicura padronanza dei linguaggi specifici.

 

Casi particolari di difficoltà personale, familiare, sanitaria, organizzativa, tecnologica di ogni singolo alunno, legati all'emergenza epidemiologica da COVID-19, saranno considerati e valutati dai singoli consigli di classe.

La preposta Commissione valutazione avrà cura di rivedere ed eventualmente migliorare gli strumenti valutativi usati o di predisporne altri, qualora se ne presentasse la necessità.

 

Area Inclusione

Per gli alunni con disabilità, DSA o BES si farà riferimento ai rispettivi Piani Educativi Individualizzati o Piani Didattici Personalizzati, redatti dai consigli di classe, in collaborazione con le famiglie.

Inoltre per tali alunni i consigli di classe avranno cura di dosare il carico di lavoro giornaliero e, se necessario, di integrare le attività didattiche con opportuni materiali di supporto (ad esempio video e/o tutorial e/o registrazioni della lezione sincrona e/o lavoro in piccolo gruppo).

 

La comunicazione

In caso di emergenza e non solo, la nostra scuola ha adottato i seguenti canali di comunicazione:

  • il sito istituzionale
  • le mail dei docenti e degli studenti
  • il registro elettronico

 

Il Piano predispone le scelte organizzative in riferimento a questi possibili scenari da affrontare:

 

1)    Studente o studenti in quarantena e classe in presenza: sarà attivata la DDI in modalità asincrona, con l'utilizzo di una piattaforma digitale e del consueto registro elettronico. La piattaforma ed il registro verranno utilizzati per:

 

·      indicare i temi trattati,

·      caricare i compiti assegnati,

·      arricchire gli argomenti tramite materiali supplementari (eventualmente anche tramite video/diapositive di sintesi sulle lezioni, a cura e discrezione dei docenti).

 

Temi, compiti e materiali supplementari integreranno, ai fini degli apprendimenti, l'utilizzo personale dei libri di testo che rimarranno, in linea generale, gli indispensabili strumenti di riferimento primario per ogni alunno.

Qualora lo studente o gli studenti ammalati fossero asintomatici, o comunque in buone condizioni di salute, e nel caso in cui la loro assenza dovesse protrarsi per ulteriori giorni/settimane oltre i tempi della normale quarantena, occasionali collegamenti sincroni con la classe potranno, in via straordinaria, essere realizzati a condizione che la connettività della scuola lo renda possibile, anche sulla base del numero complessivo di alunni/classi che risulteranno assenti nell'ora del possibile collegamento.

2)    Tutta la classe e i docenti in quarantena: in tal caso verranno applicati i protocolli della DDI rispettando il minimo orario delle 15 ore in modalità sincrona distribuite fra le diverse materie in proporzione all'orario curricolare.

3)    Uno o più docenti in quarantena con la classe in presenza: questo scenario risulta essere quello di più difficile gestione poiché sarà condizionato dalla possibilità della scuola di riuscire a garantire la presenza di docenti supplenti in classe per i compiti connessi all'obbligo di vigilanza. Qualora il docente, costretto al proprio domicilio perché in quarantena, fosse in buone condizioni di salute, potrà valutare di collegarsi su Meet con la classe, in compresenza con il docente supplente. Tuttavia, sarà sempre possibile inviare materiali e compiti in modalità asincrona.

4)    Tutta la classe in quarantena con alcuni/tutti i docenti in servizio: verranno applicati i protocolli della DDI rispettando il minimo orario delle 15 ore settimanali in modalità sincrona. Il collegamento dei docenti avverrà su Meet, nell'aula vuota, ma sarà condizionato dalla qualità della connettività dell'Istituto. Conclusa la quarantena disposta per la classe, gli alunni riprenderanno le lezioni in presenza e, per chi dovesse prolungare la quarantena, sarà attivata la DDI in modalità asincrona secondo quanto già previsto al punto 1).

5)    Alunni con patologie gravi o immunodepressi (decreto legge 8 aprile 2020): coloro che, sulla base di apposita documentazione medica, non risultassero in grado di frequentare le lezioni scolastiche in presenza, potranno beneficiare del protocollo DDI e di percorsi di istruzione integrativi per loro predisposti.

 

Regolamento per la Didattica Digitale Integrata

Considerate le implicazioni etiche poste dall'uso delle nuove tecnologie e della Rete, la nostra scuola ha integrato il Regolamento d'Istituto con specifiche disposizioni in merito alle norme di comportamento da tenere durante i collegamenti da parte di tutte le componenti della comunità scolastica relativamente al rispetto dell'altro, alla condivisione di documenti e alla tutela dei dati personali.

In sintesi sono riportate le norme di comportamento richieste:

  • Entrare nell'aula virtuale in orario
  • Non disturbare, partecipare alla lezione
  • Rispondere alle interrogazioni e impegnarsi nella consegna degli elaborati.

Inoltre:

Gli studenti dovranno tenere le videocamere accese e chiudere i microfoni se e quando richiesto dal docente.

  • Il link delle lezioni non dovrà essere diffuso a persone esterne all'istituzione scolastica, così come i materiali di studio predisposti dai docenti.
  • Sarà posta particolare attenzione ai reati di cyberbullismo, anche con attività predisposte dai docenti per comprendere i rischi derivanti dall'uso improprio della rete, ricordando anche che costituisce reato registrare, filmare e fotografare docenti e compagni durante le lezioni e le video conferenze, in ottemperanza alle vigenti normative sulla privacy.

Per una sintesi guidata sull'uso degli applicativi per la didattica digitale a distanza ed integrata si rimanda al sito "Suolainrete.com" presente nella home page della scuola

https://sites.google.com/smresistenza.istruzioneer.it/doc/didattica-digitale-integrata

 

Comunicazioni scuola-famiglia

 

Come da circolare interna n. 103 del 30/10/2020, le udienze non saranno effettuate, ma i docenti si renderanno disponibili per colloqui a distanza con i genitori un giorno alla settimana per tre prime settimane di ogni mese. Il colloquio potrà avvenire telefonicamente, in particolare per tutte quelle situazioni in cui si renda necessario parlare personalmente con il genitore per affrontare problematiche varie. Diversamente, si utilizzerà la mail che invierà il genitore al docente utilizzando l'account di posta istituzionale; dal momento che sarà lo strumento per accogliere le richieste di confronto e di dialogo del genitore, i docenti si impegneranno a rispondere entro pochi giorni. Per chi ne avesse l'esigenza, sarà possibile organizzare su Meet incontri con i genitori, previa prenotazione della stanza e comunicazione alla famiglia.

 

  • Comunicazioni urgenti della famiglia dello studente con BES: nel caso in cui si verifichino problematiche di una certa rilevanza durante il periodo della DDI, il genitore potrà comunicare con il docente coordinatore di classe tramite la mail istituzionale. Il coordinatore avrà cura di riferire quanto emerso a tutti i docenti del consiglio di classe.
  • Alunni con disabilità: l'insegnante di sostegno potrà interagire con la famiglia nei modi e con i mezzi ritenuti più opportuni (whatsapp, mail, telefono), sempre facendo partecipe dei colloqui il coordinatore di classe, che provvederà ad informare i colleghi del Consiglio di Classe.

 

Il presente Piano è stato approvato dal Collegio Docenti in data 19/11/2020.

 

 

 

 

 


Categoria: P.A.I. e ProgettiData di pubblicazione: 02/11/2020
Sottocategoria: Anno Scolastico 2020/2021Data ultima modifica: 04/12/2020 12:47:43
Permalink: PIANO SCOLASTICO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATATag: PIANO SCOLASTICO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA
Inserita da AFVisualizzazioni: 1367
Top news: NoPrimo piano: No

 Feed RSSStampa la pagina 
HTML5+CSS3
Copyright © 2007/2021 by www.massimolenzi.com - Credits
Utenti connessi: 525
N. visitatori: 4879226